Cos’é un Lead Magnet, Come si Crea e Come si Usa

Oggi è giunto il momento di trattare uno dei termini che più confonde i blogger e gli aspiranti digital marketer di tutto il mondo: lead magnet.

Incluso me! Anni fa, quando ho iniziato a occuparmi di blogging, questa parola mi incuriosiva e preoccupava allo stesso tempo. Mi ci è voluto un po' per capire di cosa si tratta.

Quindi, ho pensato di risparmiarti ore di ricerche e fatica e di scrivere questo post in cui ti racconto cos’è un lead magnet, a cosa serve, come si crea e come si inserisce su un sito.

Insomma, qui trovi tutto quello che a mio parere devi sapere sui lead magnet per come li ho capiti io!

cos

Cos’è un lead magnet

“Lead magnet” è un termine inglese (tanto per cambiare) che significa letteralmente “calamita per lead“.

Quindi, prima di tutto, bisogna prima capire cos'è una lead.

Nel linguaggio del marketing, il termine 'lead' (pure questo inglese) è utilizzato per indicare “il contatto con un potenziale cliente che ci serve poi per indirizzarlo all'acquisto“.

Beh, adesso sai perché si preferisce usare la cortissima parola inglese.


Hai presente quando nei supermercati ti fanno provare assaggi gratuiti?

Ecco, quando provi il pezzo di salame che ti viene offerto, tu diventi automaticamente una lead perché hai mostrato interesse verso il prodotto e potresti dirigerti al banco per comprarlo subito, oppure tra una settimana.

Il salume gratuito, invece, è il lead magnet.


Nel mondo di Internet le dinamiche sono un po' differenti, ma il principio è lo stesso!

Il lead magnet è uno strumento prezioso che ti permette di attirare lead, cioè formare una lista di persone interessate a te, al tuo blog, e possibilmente anche ad acquistare un tuo prodotto o servizio.

Come funziona?

Aveva ragione Ursula la strega del mare quando diceva alla Sirenetta che 'Non si può avere qualcosa senza niente in cambio'.

Si dice che le mail non le legga più nessuno, ma la pratica dimostra il contrario.

Ti assicuro che tu, da blogger o azienda, VUOI avere una lista di contatti interessati ai tuoi contenuti con cui poter dialogare e a cui poter proporre l'acquisto di prodotti o servizi.

Il modo più comune per ottenerli è inserire sul sito un apposito modulo per l'iscrizione alla tua Newsletter. Va benissimo, anzi, consiglio sempre di inserirlo, ma non basta!

Ognuno di noi prova una sorta di timore nell'iscriversi a qualcosa, principalmente per paura di iniziare a ricevere spam (che non bisogna assolutamente fare).

Per incentivare i lettori a lasciarti il loro contatto, c'è bisogno di offrire qualcosa in cambio, un assaggio. Può essere un ebook, può essere un riassunto, può essere un materiale integrativo oppure una checklist.

Qualunque cosa, l’importante è che sia davvero utile, ben fatta e, soprattutto, che si possa scaricare gratuitamente dal tuo blog (spesso come file PDF) in cambio di nome e indirizzo email.

A cosa serve un lead magnet

Piccolo spoiler: ho scritto un post su come guadagnare con un blog, ma ancora non l’ho pubblicato. Lì parlo delle tre cose che, secondo la mia esperienza, stanno alla base del guadagno.

Ebbene, il lead magnet gioca un ruolo importantissimo nell'ottenerne almeno due su treil pubblico e l'autorità.

I contatti ottenuti (cioè le lead) finiscono tra quelli che ricevono la tua newsletter in cui comunichi gli aggiornamenti e le novità, oppure dai informazioni esclusive e aggiuntive, oppure parli di te o dell’azienda, insomma, ti fai conoscere.

L'obiettivo è proprio quello di creare un legame che vada oltre 'ho letto un tuo articolo e stop'.

Alcuni si toglieranno dalla lista (facendoti rimanere malissimo), è normale. Ad altri, invece, piacerà scoprire cos'hai da proporre, mostrare, insegnare o semplicemente conoscerti meglio.

Questo ti permette di creare un pubblico, proprio come chi ti segue sui social.

Un lead magnet ben pensato è anche in grado di aumentare la tua autorità. Va benissimo scrivere quanto si è bravi e competenti, però è molto meglio dimostrarlo!

File e contenuti aggiuntivi gratuiti sono un ottimo modo per mostrare a chi ti legge che li capisci, sai di cosa hanno bisogno e sei in grado (e felice) di farglielo avere.

campagna lead

Come si crea un lead magnet

Terminata la teoria, balziamo alla pratica. Ora che sai cos'è un lead magnet, non ti resta che crearlo.

Per farlo, si usa dividere il processo in due fasi.

1) Pianificazione

Prima non l'ho menzionato, ma i lead magnet possono essere divisi in due categorie: per il blog o per il singolo post. A seconda della tipologia variano i contenuti e il modo di proporli al lettore.

Per il blog

Le 'calamite per lead' create per il blog (o per il sito) intero solitamente vengono promosse con banner in tutte le pagine, inclusa la home, e hanno una pagina dedicata in cui il lettore trova il modulo per inserire i propri dati e scaricare il file.

In 99 casi su 100 si tratta di un ebook gratuito: un libricino PDF che offre un vantaggio a chi lo scarica.

Che tipo di vantaggio? Beh, a questo devi pensarci tu a seconda del tuo blog! Io posso solo lasciarti le domande che mi pongo prima di creare un prodotto:

1) Di cosa parla il tuo blog o il tuo sito? Di che cosa ha bisogno chi lo legge? Quali sono le domande a cui cerca una risposta, quali problemi vuole risolvere?

2) Tra le risposte delle domande sopra, quali sono gli argomenti 'più scottanti' che riusciresti a chiarificare nella maniera più rapida e chiare possibile? (Gli argomenti più complessi, magari, tienili per futuri ebook da vendere).


Esempi di lead magnet per il blog:

Hai un blog di viaggi dedicato a Roma. Sai che molte persone vengono in città solo per un weekend, che è decisamente poco per vederla tutta. Perché non scrivere una guida gratuita o dei percorsi su come visitare la città in tre giorni senza perdere neanche uno dei monumenti principali?

Il tuo blog parla di cucina asiatica che richiede ingredienti difficili da reperire in Italia. Potresti offrire un lista gratis da scaricare in cui indichi tutti i negozi fisici e online dove li acquisti tu.


Io cucino di merda e Roma l'ho vista solo due volte; sono esempi un po' così. Sicuramente tu riuscirai a inventare di meglio!

Altrimenti, leggi questo post: Lead Magnet Esempi per Ispirarti.

Per il post

Al contrario dei precedenti, i lead magnet per i post non si riferiscono al blog, ma all’argomento trattato da un post in particolare e sono disponibili per il download solo all'interno dell'articolo stesso. Tipo degli allegati.

Questi sono i miei preferiti perché permettono di sbizzarrirsi con la fantasia e creare soluzioni su misura per ampliare i singoli contenuti.


Hai un blog su cui insegni il francese. Ogni volta che spieghi un argomento potresti permettere di scaricare un file con esercizi su quell'argomento e le soluzioni (questo ti assicuro che funziona).

Il tuo studio di interior design ha appena consegnato un appartamento in stile scandinavo. Alla fine, permetti di scaricare una checklist con tutti gli elementi caratteristici dello stile e una lista di negozi dove poter trovare mobili e oggetti che gli si addicano.


2) Creazione

Apri un file word e inizia a scrivere. Quando avrai finito, controlla tutto e salvalo in PDF.

Fatto!

Ricorda di inserire sempre in ogni lead magnet il tuo logo e un link all'articolo a cui si riferisce o al tuo sito web. Se ti facessi vedere Analytics dei miei blog ti stupiresti di quante persone tornano da quei link!

lead magnet

Come si usa un lead magnet

Abbiamo visto cos'è un lead magnet e come crearlo. Non ci resta che esplorare la parte tecnica, forse la più complicata, cioè come renderlo disponibile da scaricare sul tuo blog.

Parto dal presupposto che tu abbia un’idea generale di cosa sia il mail marketing e di come funzioni. Se non è così, leggi il mio post su come fare email marketing (senza spam)!

Per il momento, ti basti sapere che esiste una moltitudine di programmi per la gestione automatica delle mail. Molti di questi permettono anche di creare moduli appositi per lead magnet.

Si tratta di moduli particolari: all'utente appare il link per scaricare il file desiderato SOLO DOPO aver inserito i propri dati, oppure gli viene direttamente inoltrato via mail.

Tra questi sistemi di gestione e-mail i più famosi sono:

C'è però un piccolo particolare NON trascurabile: questa funzione apposita per i lead magnet è presente solo nei piani a pagamento.

Intendiamoci bene – i soldi per questi programmi sono assolutamente ben spesi, però non tutti vogliono o possono acquistare una delle versioni pro, soprattutto agli inizi.

Certamente io non volevo spendere niente quando ho iniziato, quindi ho trovato due modi completamente gratuiti per ottenere la funzionalità di inserire l'email prima di scaricare il file.

Lead magnet gratis su WordPress

Se hai un sito o un blog WordPress, puoi ottenere questa funzionalità per lead magnet sia con i moduli di contatto WPForms, sia con Contact form 7 che danno lo stesso risultato pur funzionando in maniera differente.

Per WPForms basta inserire un link al file da scaricare all'interno del testo che appare come risposta dopo aver compilato e inviato il modulo (tipo il solito “grazie per averci contattati”).

Se vuoi organizzare il sistema con Contact form 7, invece, dovrai scaricare anche i plugin Email Before Download (EBD) e Donwload Monitor.

Il primo è semplicissimo da impostare, però ti tocca creare un nuovo modulo per ogni file.

Nel secondo caso, invece, hai bisogno degli altri plugin, ma poi potrai usare uno stesso modulo per il download di tutti i file.

Io preferisco usare Contact form 7 e gli altri due pulgin per lead magnet, anche (ma non solo) perché si integrano perfettamente con Sendinblue e, volendo, pure con Mailchimp.

Per le istruzioni dettagliate leggi sotto!

Il modulo per lead magnet

Vorrei aprire una breve (importante) parentesi sul modulo per lead magnet.

Il nostro obiettivo è che il lettore interessato scarichi il file; non c'è bisogno di chiedere vita morte e miracoli! 

Secondo me, il nome e l'indirizzo email bastano.

Non solo il modulo è più rapido da compilare, ma ci si sente anche 'meno esposti' nel farlo.

IMPORTANTISSIMO: la casella da selezionare per il consenso GDPR al trattamento dei dati.

Tu lasceresti i tuoi dati sensibili, seppur pochi, a qualcuno che non ti dice cosa ne fa? Io sì, ma ho imparato a mie spese che non tutti la pensano così.

Sotto il tuo modulo per lead magnet DEVE esserci la casellina da selezionare con il consenso che rimanda gli utenti a leggere la tua pagina della Privacy e Cookie policy, in cui DEVE esserci scritto cosa fai con i dati raccolti.

Non lo dico io, ma la legge europea.

Cos’è un lead magnet: esempio

Ed eccoti il mio lead magnet per questo post!

Sopra ti ho dato un sacco di informazioni utili (o almeno lo spero, ce l'ho messa tutta).

Se vuoi ricevere le istruzioni dettagliate su come installare un lead magnet su WordPress e avere la funzionalità di inserire l'email prima di scaricare il file, ti chiedo di inserire il tuo nome e indirizzo mail.

Apparirà quindi il link per scaricare il file con le istruzioni :-).

    Ti è piaciuto il post? Condividilo!

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *