Come Tradurre un Sito Internet: La Guida

Oggi è arrivato il momento di raccontarti come tradurre un sito internet, ovvero ciò di cui mi occupo da ormai più di 10 anni.

Proprio così! Ancora non ne avevo parlato, ma la mia laurea triennale è in lingue straniere e già durante gli studi traducevo siti web per fare su qualche soldo.

Per ovvie ragioni, all’inizio non ero un granché. Poi con gli anni ci ho preso la mano e mi sono fatto un’idea chiara di come tradurre un sito Internet nella maniera migliore.

Non a caso è diventato il mio lavoro! E non solo come traduttore. In passato mi è capitato di gestire squadre di traduttori, editori e redattori per grandi progetti di traduzione blog, siti aziendali e piattaforme.

Insomma, qui di seguito ho raccolto tutta la mia esperienza sul campo in una guida su come tradurre un sito web, dalla preparazione alla parte tecnica per tradurre un sito WordPress. Spero che ti sia utile per creare un sito multilingua!

Alla fine ti lascio anche la guida su come tradurre un sito in PDF da scaricare. Ma intanto, procediamo con ordine.

localizzare sito internet

Come tradurre un sito in automatico

Se stai cercando informazioni su come tradurre un sito in automatico, eccoti il consiglio più importante di tutti: non farlo!

Che ti piaccia o no (e non ti piacerà) c’è un motivo per cui le persone prendono una laurea in traduzione. Tradurre è un lavoro serio, complicato e non adatto a tutti, figuriamoci a un algoritmo.

Prendere scorciatoie gratuite come tradurre un sito con Google è una pessima idea, per almeno tre motivi:

1) Spesso, le traduzioni automatiche fanno pietà. Sono difficili da leggere e l’utente che capiterà sul tuo sito probabilmente non lo farà. Passerà ad altre letture.

2) Chi vuole tradurre un sito in automatico lo fa per non spendere soldi. Questo apparirà subito lampante a chi se lo troverà davanti. Nessun interesse verso il potenziale cliente = nessun interesse del potenziale cliente verso ciò che propone il sito.

3) Non importa quanto siano fighi i tuoi testi, i tuoi prodotti o i tuoi servizi: con una traduzione fatta da Google Traduttore verranno percepiti come da quattro soldi. Non ci credi? Leggi quel che ho scritto riguardo a come aumentare le prenotazioni dirette per gli hotel.

Questo per dirti che non parlerò di come tradurre un sito in automatico. Porta più danno che beneficio.

La traduzione del tuo sito, blog o portale è un investimento! Bisogna investire in testi di qualità.

Traduzione, Localizzazione, Transcreation… Che confusione!

Vorrei fare un breve inciso su questi tre termini che si incontrano sempre più spesso e, diciamocelo, creano un sacco di confusione.

Traduzione, localizzazione e transcreation sono concetti simili, ma diversi che vanno a braccetto.

Traduzione

Tradurre significa riportare ciò che è scritto in una lingua di partenza in un’altra lingua, quella di destinazione. Punto.

L’idea è proprio quella di rendere un contenuto scritto in una lingua comprensibile e accessibile per chi ne parla un’altra.

Facciamo un esempio con l’inglese.

ITALIANO: Madrid è la capitale e la città più popolosa della Spagna.

INGLESE: Madrid is the capital and most populous city of Spain.

Direi tutto chiaro.

Purtroppo, però, quando parliamo di come tradurre un sito Internet, le cose sono raramente così semplici!

Adesso guarda questo esempio.

ITALIANO: Con 7,5 milioni di residenti in un territorio di 1.100 km², Hong Kong è uno dei luoghi più densamente popolati del mondo.

INGLESE: With 7,5 million residents in a 1.100-square-kilometre territory, Hong Kong is one of the most densely populated places in the world.

Questa è una traduzione? Assolutamente sì!

Va bene? Non proprio…

Localizzazione

La localizzazione è l’adattamento di un testo, software, dispositivo o prodotto volto a renderlo accessibile ai parlanti di una data lingua che appartengono a una data cultura.

Il testo tradotto sopra non è localizzato per ben due motivi.

Prima di tutto, le unità di misura lasciate come in italiano creano confusione ai madrelingua inglese. Infatti, in inglese, il “punto” corrisponde alla nostra “virgola” e viceversa.

ITALIANO: Con 7,5 milioni di residenti in un territorio di 1.100 km², Hong Kong è uno dei luoghi più densamente popolati del mondo.

COM’ERA: With 7,5 million residents in a 1.100-square-kilometre territory, Hong Kong is one of the most densely populated places in the world.

COME DOVREBBE ESSERE: With 7.5 million residents in a 1,100-square-kilometre territory, Hong Kong is one of the most densely populated places in the world.

E non è tutto, perché la localizzazione tiene conto di lingua e cultura e l’inglese è parlato in tanti paesi diversi con culture diverse.

Se nel Regno Unito che è in Europa si usa il sistema metrico, negli Stati Uniti non hanno idea di cosa sia un chilometro. Loro usano le miglia!

ITALIANO: Con 7,5 milioni di residenti in un territorio di 1.100 km², Hong Kong è uno dei luoghi più densamente popolati del mondo.

LOCALIZZATO REGNO UNITO: With 7.5 million residents in a 1,100-square-kilometre territory, Hong Kong is one of the most densely populated places in the world.

LOCALIZZATO STATI UNITI: With 7.5 million residents in a 425-square-mile territory, Hong Kong is one of the most densely populated places in the world.

Adesso sì che ci siamo!

Parlando di inglese, ci sono tante differenze tra quello parlato a Londra e quello, ad esempio, di New York. Bisogna tenerne conto!

Se scegli di avere il sito con una sola versione in inglese, bisogna fare in modo di renderlo accessibile per entrambi i lettori (ad esempio, usando le parentesi).

E questa è solo la localizzazione dei testi. In realtà la localizzazione dei siti comprende molti altri aspetti di cui parlerò separatamente.

Transcreation

La transcreation è un termine che deriva da “translation” (traduzione) e “creation” (creazione) e prevede adattamento di un messaggio da una lingua all’altra, mantenendone l’intento, lo stile, il tono e contesto.

Non è forse il colmo che in italiano si usa la parola inglese e non si è trovato un termine con cui renderlo in maniera creativa?!

Per farla breve, la “traduzione creativa” si incontra raramente online. Si usa principalmente per tradurre blog o per i siti con contenuti molto astratti ed evocativi, come quelli dei brand di lusso, dei profumi, ecc.

Questo tipo di traduzione è solitamente propria del genere letterario.

Un esempio su tutti!

In inglese, la casa verde di Harry Potter si chiama Slytherin che contiene l’aggettivo “sly” (subdolo, scaltro, furbo, furtivo) e quando si pronuncia ha un suono che richiama il sibilo dei serpenti.

Tutto questo in italiano è stato “transcreato” e reso con Serpeverde perché richiama il serpente, ma anche tutte le caratteristiche di una persona che in italiano definiremmo “una serpe”.

Questa è transcreation.

E quindi?!

Se stai cercando di capire come tradurre un sito web, in realtà, probabilmente, lo vuoi localizzare per adattarlo completamente a un determinato mercato.

Ci mancherebbe: chi non è del settore non deve conoscere questa terminologia e può benissimo non saperlo.

I traduttori e le traduttrici degni di questo nome, però, lo sanno e ne tengono conto quando gli chiedi di “tradurre” il tuo sito.

come tradurre un sito WordPress

Come tradurre un sito internet in pratica

Arriviamo finalmente al succo dell’articolo e vediamo come tradurre un sito Internet in pratica.

Ora, il processo può variare a seconda della quantità di lingue in cui desideri localizzare un sito internet e, soprattutto, se sarai tu a farlo o delegherai il compito a degli specialisti (tipo me).

In ogni caso, ci sono alcune fasi e certi passaggi che vanno bene sempre e, se rispettati, rendono il compito più semplice e organizzato.

La preparazione

La traduzione di un sito Internet non si fa sul sito stesso! Cioè, volendo puoi, ma ti complicheresti non di poco la vita.

In realtà, il modo migliore per localizzare un sito Internet è iniziare offline e usare il pacchetto Office di Microsoft: Word o Excel.

Se il tuo sito, portale o blog ha pochi contenuti, puoi creare un file Word per ogni pagina e inserire in ognuno una tabella con due colonne.

Nella colonna di sinistra, copia tutti i contenuti della pagina web da tradurre. Quella di destra sarà dedicata alla traduzione.

Se il sito è grande o desideri tradurlo in più di una lingua, allora è meglio passare a Excel e creare un foglio per ogni pagina web.

Puoi anche caricare il file su Google Drive e concedere l’accesso a coloro che devono lavorarci. Così facendo, ad esempio, alla fine ti troverai la traduzione del sito Internet in tutte le lingue su un unico file.

Secondo me questo metodo è il migliore perché:

  • Sfrutta tecnologie semplici e conosciute a tutti;
  • Ti permette di avere originale e traduzione vicini per controllare e lavorare meglio;
  • Chi traduce può sfruttare la correzione ortografica fornita da questi software;
  • Tu che conosci il tuo sito meglio di chiunque altro selezioni tutti i contenuti da tradurre.

E a questo proposito…

Come tradurre un sito web: cosa tradurre

Tradurre un sito non significa tradurre pagine web e basta!

Prima di tutto, ci sono l’header (tipo la barra del menu) e il footer (la fine della pagina) che si ripetono, ma vanno tradotti una volta sola. Meglio metterli in un file o foglio separato.

Poi ci sono tutti i pulsanti, i moduli di contatto, gli avvisi (come la privacy e cookie policy): anche loro vanno tradotti.

Se il tuo sito prevede la possibilità di creare un account… esatto! Anche tutta la procedura d’iscrizione e il profilo dell’utente vanno tradotti. Stesso vale per gli e-commerce.

Traduzione e SEO

Qui casca il proverbiale asino.

Se il tuo sito riceve traffico dai social, da altri siti o da link che invii tu, in generale puoi passare oltre e tralasciare questo paragrafo.

Al contrario, se pensi a come tradurre un sito web per raggiungere più persone dai motori di ricerca, devi pensare a tradurre anche ciò che non si vede o che non dà nell’occhio.

Non starò qui a spiegarti cos’è e come funziona la SEO (presto scriverò un post dedicato).

Se hai letto il mio blog, però, già sai cosa sono le parole chiave e che esistono anche parole chiave secondarie e hai pure scoperto dove inserirle.

Ebbene, la traduzione delle keyword è di fondamentale importanza perché il tuo sito tradotto possa apparire nei risultati di Google. Deve essere fatta bene e prevede anche della ricerca.

Le parole chiave devono essere inserite nell’URL della pagina, nel tag title, nella descrizione della pagina… Anche tutto questo deve essere tradotto e inserito quindi nel file di ogni pagina.

Come tradurre un sito web: il processo

Appurato che non voglio neanche discutere di come tradurre un sito con Google né altri sistemi o plugin di traduzione automatica, il processo è abbastanza standard.

La traduzione o, se vuoi, localizzazione dei testi di un sito è un processo di traduzione comune.

Gli specialisti che hai assunto si occuperanno di farla e di inviartela una volta terminata. Se sei tu a tradurre, beh, tradurrai!

Tieni però in considerazione che a seconda della difficoltà del progetto o dell’attenzione che (giustamente) si pone sui contenuti, il processo può consistere in fasi diverse, tra cui:

  • Traduzione del sito web
  • Revisione dei contenuti – Ci si assicura che la traduzione sia corretta, cioè che il testo finale “dica la stessa cosa” di quello di partenza.
  • Editing – Spesso eseguito da madrelingua, serve per rendere il testo tradotto più scorrevole e “naturale” per i lettori.

Ad esempio, come vedi il mio sito ha anche una versione in inglese che ho scritto io. Io sono italiano ed è la prima cosa che dico quando mi presento.

Di conseguenza, non mi interessa che l’inglese del mio sito sia perfettamente “da madrelingua”!

Quando traduco in inglese per i clienti, invece, dico sempre che ho la possibilità di far vedere il mio lavoro a un editor madrelingua di fiducia prima di inviarlo.

Soprattutto per la traduzione di siti web aziendali, infatti, è importante che la lingua sia percepita “naturale”.

tradurre un sito web

Come tradurre un sito WordPress: la parte tecnica

Ci stiamo avvicinando alla conclusione di questo post su come tradurre un sito web.

Adesso che hai tutti i testi tradotti, è l’ora di “metterli su”, cioè di pubblicarli nella versione in lingua straniera del tuo sito.

Se vuoi tradurre il sito aziendale, basta mandare i file ai programmisti della tua compagnia e loro si occuperanno di tutto.

Ma se il sito è mio e lo gestisco io?!

Se te lo gestisci tu, posso raccontarti come tradurre un sito WordPress usando lo stesso plugin che uso io per questo e gli altri blog multilingua che gestisco.

Il plugin si chiama Polylang e se hai un sito creato con Elementor devi usarlo in coppia con un altro: Polylang Connect for Elementor – Templates Translation & Language Switcher

Ne esistono due versioni: free e a pagamento. Ti assicuro che quella gratuita basta e avanza!

polylang wordpress italiano

In pratica, Polylang ti permette di creare un sito multilingue semplicemente copiando le pagine del tuo sito originale e ricreandole in un’altra lingua selezionata.

Creata la pagina, basterà inserirvi i contenuti tradotti.

Innanzitutto bisogna entrare nelle impostazioni e selezionare le lingue con l’apposito strumento a sinistra (verde)

La prima lingua che selezioni sarà quella di base del sito “originale” e avrà una stellina vicino (azzurro). Le altre saranno le lingue di traduzione.

come tradurre un sito web

Adesso puoi entrare sulla pagina WordPress da tradurre (o, perché no, sull’articolo) e nel menu “Pagina” di sinistra cercare “Lingue”.

Non rimane che cliccare sul più azzurro per creare una pagina nuova in un’altra lingua.

come tradurre un sito internet

Adesso puoi modificare la pagina e inserirvi i testi e i contenuti precedentemente tradotti, partendo dall’URL.

Inoltre, sempre grazie a questi plugin, potrai inserire la bandierina nel menu per cambiare la lingua.

Ci sono molte cose da dire, credo che scriverò una guida tutorial!

Come tradurre un sito Internet: conclusioni

Oggi ti ho parlato di come tradurre un sito web. No, non è semplice come può sembrare da fuori.

Si tratta di un lavoro complesso che va affidato a specialisti, altrimenti si rischia di buttare tempo e, addirittura, perderci in immagine.

Esistono soluzioni tecniche e plugin per tradurre un sito WordPress rapidamente, ma i contenuti devono essere assolutamente curati. Non tradotti da Google.

Vuoi tradurre il tuo sito Internet, il tuo blog o localizzare i tuoi contenuti? Posso aiutarti io!

Vai alla pagina dei contatti e parlami del tuo progetto!

Come tradurre un sito: Riassunto PDF

Qui termina la mia guida su come tradurre un sito Internet.

Se vuoi scaricare un riassunto di questo post con tutte le informazioni principali e schematiche, inserisci qui sotto il tuo nome e il tuo indirizzo email!

Apparirà il link per scaricare il file con il riassunto!

    Ti è piaciuto il post? Condividilo!

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *